Volley femminile, Progetto Regioni – Metti in gioco il tuo talento: le prossime tappe

Prosegue, nelle 21 regioni italiane, l’attività di qualificazione nazionale femminile con cui il settore squadre nazionali pone le basi per il reclutamento di giovani pallavoliste. Si tratta, nello specifico, del ‘Progetto Regioni – Metti in gioco il tuo talento’ che, dopo aver fatto tappa il 20 gennaio scorso in Valle d’Aosta, il 27 gennaio del 2019 sarà in Alto Adige, e poi il 3 febbraio in Piemonte, ed il 10 e 11 febbraio in Veneto. 

Il calendario completo è stato già definito con lo stage di apertura che si è svolto a Milano lo scorso 30 e 31 ottobre, mentre l’ultima tappa della stagione 2018-2019 del Progetto Regioni – Metti in gioco il tuo talento è fissata per il 25 e 26 aprile del 2019 in Sicilia. Tappa dopo tappa sono in tutto 13 i tecnici rappresentativi del territorio nazionale che si alterneranno tra loro sotto il coordinamento del Responsabile Luca Pieragnoli, e dei tecnici federali Pasquale D’Aniello e Oscar Maghella che compongono lo staff del progetto di Qualificazione Nazionale. 

Questi, nel dettaglio, sono i 13 tecnici rappresentativi: Irene Ranalletti per la Lombardia, Michele Minotto per il Veneto, Rosario Braia per la Basilicata, Maurizio Garozzo per la Sicilia, Luca Parlatini e Federico Di Toma per l’Emilia-Romagna, Alberto Graziano per la Calabria, Alessandro Zucchelli per il Trentino, Gaetano Gagliardi per la Puglia, Paolo Cerutti per il Piemonte, Domenico Chiovini per le Marche, Alessandro Tagliagambe per la Toscana e Lorenzo Di Bello per la Regione Lazio. 

Nel processo di selezione con il progetto si tiene conto, tra l’altro, dei parametri fisici e strutturali delle giovani pallavoliste, degli indicatori tecnico-motori non solo sui fondamentali, ma anche sulle abilità che vengono espresse nelle capacità di gioco. Così come si tiene conto pure della personalità espressa nelle dinamiche di gioco con particolare riferimento ai tratti psicologico-comportamentali che spaziano, giusto per fissare le idee, dal senso della sfida alla leadership. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *